Marcello Spada

vive ed opera a roma.
Diplomato all'Istituto Europeo di Design ha lavorato per anni nella moda come disegnatore collaborando con Pino Lancetti e Irene Versace.
Dal 1990 si dedica esclusivamente alla sua più grande passione:l'acquarello.
Numerosi dipinti dell'artista sono stati pubblicati nei libri dei letterati:
Ron Smith, Susan Mc Master, Sandro Sangiorgi, Ada Donati, Fabrizio Pieraccini e Nicolas Joly.
Dal 2001 collabora con la rivista Porthos in qualita di illustratore.
Da diversi anni dirige due corsi di acquarello a Roma.
Le opere sono esposte nella galleria Art GAP di Roma in Via San Francesco a Ripa 105/a.

Nella semplicità di una linea si cela l'essenza del reale; in una goccia di acqua colorata è la forma dei ricordi: l'acquerello ha la consistenza della memoria che mai appare nitida, eppure è limpidissima nella mente, capace di evocare tutto ciò che è stato mescolandolo a ciò che avremmo voluto che fosse, all'impressione e al sentimento che a quel ricordo si accompagna.
 
Saper usare la difficilissima arte dell'acquerello equivale a comunicare ricordi che solo apparentemente sembrano personali, ma che in realtà partecipano a una corrispondenza di sensi che accomuna chiunque. Indubitabilmente Marcello Spada è maestro di quest'arte evocativa; i paesaggi, i luoghi raccontati nelle sfumature dei suoi lavori sono puntuali, hanno una precisa collocazione geografica, eppure potrebbero essere dovunque, abitano in qualche parte della mente di chiunque perché chiunque ha provato il sentimento di calma attesa di una giornata plumbea, la spensierata esaltazione del primo sole di primavera, la voglia di conoscere cosa è al di là di un vecchio cancello di ferro battuto.